Geraint Thomas firma per altri due anni con Ineos Grenadiers

Geraint Thomas rimarrà con gli Abbigliamento Ciclismo Ineos Grenadiers nel 2022 dopo aver firmato un nuovo contratto di due anni con la squadra britannica.

Il vincitore del Tour de France 2018 ha rivelato a ottobre di aver raggiunto un accordo per rimanere con Ineos, anche se non ha ancora messo nero su bianco il contatto, ammettendo che era stato “il peggiore da rifare”.

Lunedì pomeriggio, Ineos Grenadiers ha confermato che Thomas continuerà a giocare con la squadra per le prossime due stagioni. Il gallese è stato in squadra sin dal suo inizio come Team Sky nel 2010.

Thomas è stato lasciato fuori dalla squadra Ineos per il Tour de France 2020 e poi è caduto nel successivo Giro d’Italia. Ha iniziato il Tour 2021 come uno dei quattro leader della squadra dopo aver vinto il Tour de Romandie e essersi classificato terzo al Critérium du Dauphiné, ma la sua gara è stata compromessa da un incidente iniziale.

“Ovviamente ho avuto un finale difficile per il 2021, ma fino all’incidente al Tour ero nella migliore forma in cui ero. Sono ancora molto motivato per esibirmi nelle gare più importanti”, ha detto Thomas.

“Probabilmente cercherò di fare le Ardenne, cosa che non ho mai fatto correttamente. È eccitante e nuovo, e spero che poi andrò al Tour a svolgere un ruolo importante lì”.

Il 35enne è uno dei quattro vincitori del Grand Tour a Ineos, insieme a Egan Bernal, Richard Carapaz e Tao Geoghegan Hart, mentre Adam Yates, Richie Porte e Daniel Martinez sono anche tra i talenti delle corse a tappe nel roster. Si prevede che Bernal tornerà al Tour nel 2022 dopo aver vinto il Giro quest’anno.

“Sono super entusiasta degli ultimi anni della mia carriera con la squadra. Sarà divertente, questa è la cosa principale”, ha detto Thomas. “La gente continua a chiedermi quale sarà il mio ruolo e ovviamente voglio continuare a vincere me stesso, ma essere parte di una squadra vincente e divertirmi con alcuni dei miei migliori amici è altrettanto importante – e per farlo dovrò essere al mio meglio.”

Thomas è l’unico pilota ad essere stato nel roster Sky/Ineos per tutti i 12 anni della sua esistenza – Ben Swift ha avuto una pausa di due stagioni all’UAE Team Emirates – e ha assistito allo sviluppo del team in quel periodo. Dopo aver vinto sette Tour su otto tra il 2012 e il 2019, il dominio di Ineos è stato interrotto dalle vittorie consecutive di Tadej Pogačar, così come dalla potenza collettiva della squadra Abbigliamento Ciclismo Jumbo-Visma di Primož Roglič.

“La squadra si è evoluta molto negli ultimi 12 anni. L’atmosfera al camp [di allenamento] di Maiorca rispetto agli ultimi anni è diversa con molti giovani, nuovi ragazzi e volti nuovi”, ha detto Thomas. “Tutti sono entusiasti di andare avanti come una squadra, più vicini. Voglio giocare un ruolo chiave in questo”.

Questo fine settimana è stato annunciato che il team manager di lunga data Dave Brailsford avrebbe assunto un nuovo ruolo di direttore sportivo presso Ineos, supervisionando le operazioni dello sponsor in una serie di sport. Mantiene il suo ruolo con la squadra di ciclismo, con Rod Ellingworth che porta il titolo di vice capo squadra.

“G è stato con noi sin dall’inizio. Ha vinto le gare più importanti, ha fatto da mentore ai piloti più giovani, è stato un brillante ambasciatore per questo sport e, in tutto, ha contribuito a ispirare innumerevoli persone a salire sulle loro moto”, ha detto Ellingworth.

“Sappiamo – e lui sa – che c’è ancora molto da fare. Ha fame di altri successi ai massimi livelli. La prossima stagione sarà una vera battaglia. La concorrenza è più forte che mai. Stiamo andando all-in come una squadra e G sarà una parte importante per noi”.