Ben Tulett: Sento che l’ethos di Ineos Grenadiers si adatta al mio carattere

Ben Tulett ha concluso il suo periodo  Abbigliamento Ciclismo Alpecin-Fenix ​​la scorsa settimana con la stessa audacia che ha segnato il suo mandato di due anni nella squadra.

Al Giro del Veneto di mercoledì, il 20enne è stato tra gli aggressori sulla ripida salita del Roccolo nel finale prima di svolgere un ruolo di polizia nel gruppo degli inseguitori prima che la vittoria cadesse sul compagno di squadra Xandro Meurisse. Nel 2022 il ventenne britannico correrà per gli  Abbigliamento Ciclismo Ineos Grenadiers.

“Sto andando avanti ora, quindi è stato un modo appropriato per concludere l’anno con la squadra”, ha detto Tulett all’arrivo a Padova.

Era solo la sua terza gara sulle strade italiane, dopo il 21° posto a Il Lombardia e l’ottavo alla Coppa Agostoni, ma sembrava aver colto rapidamente le sfumature, seguendo le mosse dell’UAE Team Emirates sull’ultima salita della giornata.

“Sapevo che sarei venuto qui in buone condizioni”, ha detto. “Mi piace molto questo stile di corsa per concludere l’anno”.

Tulett si è laureata direttamente dai ranghi junior al gruppo professionale due anni fa, e forse era giusto che un corridore che aveva vinto un titolo mondiale di ciclocross nella disciplina facesse il passo con la squadra Alpecin-Fenix ​​di Mathieu van der Poel, che avevano iniziato a mettere a frutto il loro successo fuoristrada sulla strada.

Il giovane britannico ha impressionato immediatamente con il quinto posto al Tour of Antalya 2020, ma avrebbe dovuto aspettare fino ad agosto per correre di nuovo a causa del blocco della pandemia di coronavirus che ha sospeso le corse.

Il tempo trascorso non ha ostacolato i suoi progressi.

“Penso che la chiave sia stata mantenere la calma, concentrarsi su se stessi e rendersi conto che è un’immagine più grande del ciclismo”, ha detto Tulett, che ha terminato la sua stagione di debutto troncata diventando il più giovane ciclista a completare la Liegi-Bastogne-Liegi in oltre un secolo.

Esibizioni sicure sono seguite nel suo secondo anno 2021, come Tulett si è classificato 12° alla Freccia Vallone e nono assoluto al Tour de Pologne, prima di catturare nuovamente l’attenzione con le sue esibizioni di ottobre sulle strade italiane. A quel punto, ovviamente, era già stato confermato che Tulett sarebbe passato al WorldTour con Ineos Grenadiers nel 2022.

“Sono passato direttamente dagli junior al gruppo dei professionisti, quindi sapevo che sarebbe stato un grande passo, e lentamente sto salendo la scala verso l’alto”, ha spiegato Tulett.

“Sono stato contento di questa stagione, con alcune belle gare e altre brutte. Ma sono felice di aver imparato molto su me stesso e ora non vedo l’ora che arrivi il prossimo capitolo con Ineos Grenadiers”.